Home Disco & Dischi Baltimora: il Tarzan Boy made in Italy

Baltimora: il Tarzan Boy made in Italy

1036
Baltimora

Oggi ci dedichiamo ad un gruppo che potremmo definire One Hit Wonder, ovvero diventato e rimasto famoso grazie ad un solo brano, come ad esempio Il gruppo Italiano, Ryan Paris e altri che abbiamo già trattato.

Continuiamo sul filone Italo disco per dedicarci ai Baltimora, gruppo che nel 1985 ottiene un successo smisurato in tutta Europa grazie al brano Tarzan Boy.

Il produttore e musicista Maurizio Bassi è alla ricerca di voci nuove per creare un nuovo progetto musicale, e a metà anni 80 incontra Jimmy McShane, che poi diventerà il frontman del gruppo.

Come accadde per Valerie Dore o Den Harrow, McShane aveva una bella presenza, ma almeno inizialmente le sue doti vocali non erano al top.
La voce gli fu prestata prima dal produttore Bassi, poi dal cantante irlandese, con le canzoni eseguite in playback.
Presero parte al gruppo anche Giorgio Cocilovo, Claudio Bazzari e Lele Melotti.

Il gruppo esordisce con l’album Living in the Background nel 1985, contenente anche il super singolo Tarzan Boy, capace di rimanere per oltre 6 mesi nella top 100 USA, riscuotendo successo anche, anzi soprattutto, in Europa. Qui si piazza ai primi posti in molti Paesi, da notare un primo posto in classifica in Francia ed Olanda, il secondo in Austria e Svezia, il terzo in Germania e Regno Unito, il sesto in Italia. Ma i risultati più sorprendenti furono il quinto posto in Canada ed il tredicesimo negli Stati Uniti, dove il filone della cosiddetta “Italo Disco” non aveva mai attecchito.

Altri brani che vale la pena ricordare del gruppo sono Woody Boogie, Juke Box Boy, Key Key Karimba pubblicati tra il 1985 e 1988, quando il gruppo si sciolse.

Tarzan Boy, forse anche grazie al ritornello che allude melodicamente al noto urlo di Tarzan, diventa famoso ovunque. In Italia è la colonna sonora di uno dei più moderni spot di un’acqua minerale di allora, quello della Fiuggi del 1988, mentre negli USA viene usato per la pubblicità della Listerine negli anni 90, per promuovere il film delle Tartarughe Ninja 3 del 2007 e anche per un recente spot della Coca Cola.

Nel 1994 Jimmy decise di stabilirsi a Milano, dove gli venne diagnosticato l’AIDS.
Tornò in Irlanda, dove avrebbe passato l’ultimo anno della sua vita: morì infatti a Derry il 29 marzo 1995 all’età di soli 37 anni.
Fu una delle prime celebrità a venire stroncate dal virus HIV, e la sua morte ebbe una certa risonanza.
Nel centro di Derry sua città natale gli è stata dedicata una targa commemorativa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.