Home Artisti Blondie – Call me

Blondie – Call me

119

Dopo esserci fatti trasportare dai sound della disco Made in Italy torniamo a parlare di musica internazionale. Raramente parlo di cantanti o gruppi oltreoceano, ma oggi facciamo uno strappo alla regola: vedrete che ne varrà la pena, ci dedicheremo ad un brano che rappresenta in pieno gli anni 80. Il prossimo anno compierà 40 anni ma non li dimostra proprio, la band è quella dei Blondie e il singolo, Call Me!

“Call Me” è il più grande successo della Band statunitense capitanata dalla grande Debbie Harry, un’icona vera e propria. Il singolo viene pubblicato proprio in apertura di decennio, a febbraio 1980, e il successo è smisurato: numero 1 in USA e numero 1 in UK, complice l’inserimento della canzone, nella colonna sonora del film American Gigolò con Richard Gere. Un mix esplosivo che contribuì a un vero e proprio boom in tutto il mondo per la band americana.

Call Me viene prodotta dal nostro Giorgio Moroder, grande innovatore e creatore di successi. Moroder inizialmente aveva proposto a Stevie Nicks dei Fleetwood Mac di comporre con lei un brano per American Gigolò, ma lei non accettò l’offerta. Moroder pensò quindi ai Blondie, e dopo poche ore in studio di registrazione nacque il super pezzo: un ritornello orecchiabile e con un testo cantato in varie lingue (inglese, francese, italiano) dalla leader Debbie.

Harry registrò anche una versione abbreviata della canzone sostenuta dalla Muppet Band per la sua apparizione in The Muppet Show nell’agosto del 1980. Fu trasmessa per la prima volta in Italia nel gennaio del 1981. Anche il video musicale è molto simpatico, in realtà ne vennero realizzati due differenti, il più famoso è sicuramente il collage di filmati girati a New York dai Blondie durante i loro concerti.

Grazie al successo ottenuto dal brano, “Call Me” è stato continuamente rivisto e riarrangiato negli anni. Nel 1988 è uscito un remix di Ben Liebrand, nel 2010 invece una versione dance interpretata da Sabrina Salerno e Samantha Fox.

La rivista Rolling Stones ha inserito il brano nella lista delle migliori 500 canzoni della storia, è un singolo che non dimostra l’età che ha, ancora in voga, che non passa mai di moda.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.