Home Fumetti & Libri Rivista Più

Rivista Più

63
Rivista Più
“Dove l’hai presa?”
“È in regalo su Più!

Per un bambino del 1982, cresciuto a pane e Goldrake, la mano robot era di una bellezza aliena. Dovevo averla, la soluzione era semplice: andare in edicola a comprare Più, anzi implorare l’edicolante che lo richiedesse perché era (prevedibilmente) andato esaurito.

Una volta recuperata la rivista e montata la mano (che si piegava, sì, ma che richiedeva per essere montata un po’ di colla, e la colla di una volta non teneva mai), scoprii due cose. Che la mano mi piaceva meno del previsto. Ma che la rivista mi piaceva più del previsto. Iniziai a comprarla, anche perché quello con la mano robot era proprio il numero 1.

Il nome “Più” voleva appunto indicare sì la presenza del regalo, ma anche contenuti meno bambocciosi rispetto al Corriere dei Piccoli. Era con questo progetto che la casa editrice Domus – quella di Quattroruote – puntò a sbarcare nel fiorente mercato delle riviste per ragazzi. Settimanale, formato A4 a colori, dopo la partenza nel 1982 vivrà il suo splendore dal 1985 al 1987 (anni in cui il Corrierino era diventato bruttino) per poi chiudere nel 1988.

Vista la parentela con Quattroruote, erano molti i contenuti legati al mondo dei motori, addirittura nei fumetti con il leone “Turbo”, le avventure di due meccanici (“Tappo e Balestra”) o di un camion (“Magicamion”). Fumetti in cui, vacante ai tempi qualunque Authority o Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, comparivano spesso e volentieri prodotti “sponsorizzati” dai fumetti stessi.

Ma allora eravamo tutti più ingenui, e soprattutto il giornale si faceva perdonare continuando a crescere, migliorando di volta in volta, aggiungendo sempre qualcosa di nuovo. Erano belli gli articoli dedicati ai cartoons, non mancava qualche concorso e arrivarono anche i poster (in concorrenza al Corriere dei Piccoli) di “Tom and Jerry”, “I Puffi”, “Carletto il principe dei mostri”, “Masters i dominatori dell’universo”, “C’era una volta Pollon”, “Georgie”, “Nanà supergirl”, “Coccinella”, “Il giro del mondo di Willy Fog”, “Mister T”, “Gli orsetti del cuore”, “Iridella”, “The Chipmunks”, “I Predatori del tempo”, “Transformers”.

Ma il punto di forza di Più, fin dall’inizio, sono stati i gadget allegati in ogni numero: erano i giochi più gettonati e voluti dai bambini come gli astucci, il serpentello snodabile (gettonatissimo), il cubo magico (intramontabile), i puzzle (un classico), lo shangai (richiestissimo), gli occhialini, lo stampaghiaccioli (molto di moda), le carte da gioco, la pipa magica (vendutissima), le pistole spruzza acqua (amatissime), l’elica, il fischietto (un altro classico)…

Questa rivista ha pubblicato tanti fumetti inediti da “Le avventure di Turbo” (il leoncino mascotte del giornale che ottenne un grande successo), a “Le avventure del Cuore” (legate al simbolo del canale televisivo Telereporter, che piaceva molto al pubblico e di fatto legato a Più da accordi commerciali); da “Jummy” (ispirato a un giocattolo) a “Fabuland” (altro giocattolo famoso, e il fumetto era molto letto) e “Gasatella” (ispirato ad un giocattolo); da il “Tenerone” (il famoso pupazzo del programma tv Drive In…), alla celeberrima “Poochie” (che fu un enorme successo), e poi “Slurp” (la lingua ebbe un grandissimo successo, tanto che poi le dedicarono un fumetto tutto suo), poi “L’ispettore Bobop” (che riscosse un buon successo, i suoi fumetti vennero pubblicati negli anni ’90 anche sulla rivista di Tiramolla); buon riscontro lo ottennero anche i fumetti di “Pistillo”, “Tappo e Balestra”, “Magicamion”, “Gli apprendisti stregoni”, “Power Rods”, “Gipsy”, “Silvio”, “Bing Bongo” (molto divertente), “Nembo Gat”, “Tom Tom”, “Marina figlia di pirata”, “Adalberto”, “Fotosogno” (una specie di fotoromanzo in cui i protagonisti erano sempre bambini in carne ed ossa, che poi venivano trasformati in fumetti per vivere un’avventura).

Bellissime anche le copertine che la rivista dedicherà a personaggi dei suoi fumetti o dei cartoni animati: ogni tanto con immagini originali e altre volte con disegni ben fatti. Per altri cartoni animai invece adopererà foto originali della TV come è successo per “Braccio di Ferro”, “Candy Candy”, “Charlotte”, “Angie girl”, “I Puffi”, “Kimba il leone bianco”, “Magica magica Emi”, “Voltron”, “Yace il cavaliere dello spazio”…

Nel 1983 Più realizza il colpaccio acquisendo i diritti del fumetto del giocattolo/cartone animato “Masters i dominatori dell’universo” (ed è un enorme successo). Nascono anche “DOPPIO PIU’” e “PIU’ TRIS” una raccolta di 2 o 3 numeri di vecchia data, progetto portato avanti fino al 1987.

Nel 1984 la rivista Più comincia a pubblicare dei begli articoli sui cartoni animati trasmessi dalle TV (mezza pagina per articolo), da Asterix a Lucky Luke, da Lupin II a C’era una volta Pollon. Nel 1985 si aggiungono i fumetti di “Isidoro” (cui è dedicato pure un concorso con in palio il suo bellissimo orologio: il successo è tale che al gattone verranno dedicate tante copertine) e di “Mister T”. Più comincia ad incrementare le vendite. Aumentano gli articoli dedicati ai cartoni animati: Il Tulipano Nero e mille altri. Nel 1986 arrivano anche i fumetti di “Gli orsetti del cuore” (con tanto di concorso), “Iridella” (altro concorso), “Transformers” (grandissimo successo) e articoli dedicati ai cartoni animati Kimba il leone bianco, Hurricane Polymar, Kyashan il ragazzo androide, Sasuke il piccolo ninja e via dicendo.

Nel 1987 la rivista è ancora al massimo del successo, pubblica nuovi fumetti come quelli di “Mademoiselle Anne” (un grande successo) e “Ghostbusters” (che ottiene un grande successo e di conseguenza varie copertine). Ancora articoli dedicati ai cartoni animati: ci sono Pollyanna, Jem, i Ghostbusters… ma la fine è inaspettatamente vicina. 1988: la rivista cambia nome in “MAXI PIU’”. Porta avanti solo fumetti tratti dai cartoni “Isidoro” e “Mademoiselle Anne” e qualche articolo dedicato ai cartoni animati; dopo qualche mese, però, Più chiude i battenti, avendo chiuso le emittenti televisive per cui era ‘nata’: Telereporter (che sponsorizzava la rivista all’interno del contenitore per bambini “Yo Yo”) ed Euro TV. Un peccato.

Articolo precedenteChewingum (1984)
Articolo successivoI cocktail anni 80 da dimenticare
Gianni Soru
Inizio ad intraprendere la carriera giornalistica nel 1991 intervistando gli autori e interpreti delle sigle anni '70 e '80 come: Paola Orlandi, Douglas Meakin, Niny Comolli dei Piccoli Cantori, Nora Orlandi del Coro dei Nostri Figli, i fratelli Balestra, Oliver Onions, Nico Fidenco, Georgia Lepore, Giampi Daldello, Vincenzo Draghi, I Cavalieri del Re, Le Mele Verdi, Albertelli-Tempera, Andrea Lo Vecchio, Augusto Martelli etc..., pubblicando le mie interviste su svariate riviste come Japan Magazine, La gazzetta della Martesana, Cudowny, Di Tutti i Colori, Il Giornale di Noi Ragazzi... ad oggi ho scritto per oltre 20 testate: Scelta TV, Okay, Souvenir, Solo TV, Coriandoli, Fantastico, Il Quaderno Rosso... Ho collaborato anche con diversi siti e blog ed ho prodotto libri per altri. Al mio attivo più di 1.000 (mille) articoli pubblicati. Nel 2003 vinco la gara come più Grande Collezionista di Cartoni Animati in Italia e poi come Più Grande Esperto di Cartoni Animati, aggiudicandomi diversi premi. Comincio ad essere ospite in tanti programmi tv e radio da La vita in diretta ai Fatti Vostri, da Pomeriggio Cinque a Unomattina, da Festa in Piazza a Gente sull'orlo di una crisi di nervi, da Close Up a Il Protagonista, da Applausi a The Club etc... Dal 2004 comincio a produrre riviste Manga Club, Otaku (2005), WooW (2008 dove lancio i primi fumetti robotici italiani del fumettista Alessandro Kaiser Colombo), Colori (2009), Very Special (2014), Il mio piccolo diario (2015)... Realizzo poi per le scuole elementari la rivista Caramelle in Festa (2009) e per un privato Bolle di Sapone (2012). Dal 2010 divento editore e comincio a produrre merchand inerente ai cartoni animati come cartoline, calendari, segnalibri, adesivi, quaderni, carta da lettera... 2013: formo con un mio amico il gruppo vocale dei Cartoonmatti ed incidiamo diverse sigle di cartoni animati e programmi (occupando la 1-2- e 3 posizione su I-Tunes): “Il diario di Peppa”, “Kyashan”, “Polymar”, “Dolce Kioko”, “Zambot 3 l'invincibile”, “Piùpazza song”, “Polvere di stelle per Iridella”, “La sigla del Carosello”... Presto la voce come doppiatore ad alcuni dei personaggi dei fumetti animati usciti in DVD di Alessandro Kaiser Colombo: “Darvatros Delta 7”, “Gavarax 1”, “Kamer star robot”, “L'ombra della Papessa”, “Re Olocausto”, “Lilith”... Ho condotto diversi programmi TV, legati sempre ad una nostra sigla come “Telecartoni” (2014 su Telelombardia), “Hobby Manie” (2015-2016 su 6 Mia TV), “Ueppaaaaa” (2017-2018 su TV&TV); ed il programma radiofonico “Cartoonmatti Show” (2014-2015). 2016: creo il pupazzo di Piùpazza, una mucca protagonista di una sit-com su Youtube e mandata in onda da diverse tv locali; è protagonista anche di barzellette/vignette su 2 giornali ed è la testimonial di tutta la linea legata alla moda della mucca.