Home Film Un Halloween in casa

Un Halloween in casa

Un Halloween in casa
Gli anni 80 sono stati una decade, cinematograficamente parlando, molto proficui.
Sono tanti, veramente tanti, i titoli che sono entrati nella storia del cinema.

Dalla commedia alla fantascienza, passando per i drammatici fino ad arrivare alla pura comicità, portando alla ribalta attori ma, soprattutto, personaggi iconici.

Ovviamente anche il cinema horror anni 80 ci ha donato di personaggi ormai mitici come Freddy Krueger o Jason Voorhees.
Ma anche tanti film trash, film definiti di serie B (o addirittura Z) diventati ormai dei cult.

Visto che questo halloween dovremmo passarlo in casa, ho deciso di consigliarvi 5 titoli poco conosciuti, meno trendy ma ugualmente affascinanti. Terribilmente immondi e putridamente irresistibili (come direbbe un nostro caro ed indimenticato amico, Zio Tibia).

Monster Dog – Il signore dei cani

 

Parto subito con un titolone da urlo.
Cosa fanno assieme una rockstar metal famosa in tutto il mondo ed una attrice spagnola famosa, in Italia, per aver partecipato alla telenovela di grande successo come “Anche i ricchi piangono”?
Girano un film horror italo spagnolo, ovviamente.

Alice Copper e Victoria Vera sono i protagonisti di questa delirante storia di una rockstar e dei suoi ballerini sul set di un videoclip.
Peccato che come location abbiano scelto una casa semi abbandonata dei defunti genitori del cantante che sarà teatro di misteriose uccisioni.
In più dovranno combattere con una antica maledizione di famiglia e una banda di teppisti.

Film a basso budget che Alice Copper fu felicissimo di girare, soprattutto perché il film non venne distribuito al cinema ma direttamente in home video, cosa che entusiasmò la rockstar.

Le fonti dicono che in Italia non sia mai uscito.
Eppure io posseggo la vhs, ovviamente di quelle piratate che si compravano sulle bancarelle nei mercatini e in qualità pessima.
Ma con tantissimo fascino.
Potevo non fare mio un film trashissimo con Alice Cooper protagonista!?

Fuori di testa – Bad Taste

 

Oh, Peter Jackson.
Il pluripremiato regista della saga del signore degli anelli e lo hobbit, negli anni 80, fu un famoso regista di film cult horror demenziali a basso budget e molto truculenti.

Il suo debutto avviene proprio con questo titolo, un delirante film che mescola orrore e fantascienza a tanta demenzialità.

Gli abitanti di un paese della Nuova Zelanda (paese del regista) risultano spariti a dopo aver avvistato degli Ufo. Ad indagare viene mandata una squadra speciale assolutamente delirante, scoprendo che degli alieni hanno letteralmente triturati gli abitanti divenuti cibo di una catena di fast food aliena.

Essendo stato un grande lettore di fumetti e giornali horror da ragazzino, ricordo molto bene la locandina del film con questo alieno deforme che, con un fucile in mano, salutava mostrando elegantemente un dito medio agli spettatori pubblicata sulle pagine di questi giornalini.

Recuperato qualche anno dopo, posso confermare il delirio della pellicola.
Ma anche le sue geniali trovate low budget che, col senno di poi, facevano già intravvedere l’enorme talento di un regista capace di vincere decine di oscar qualche decennio dopo.

Critters, gli extraroditori

 

Il grande successo dei Gremlins, uscito a metà anni 80, fece nascere diverse pellicole con protagonisti mostriciattoli.
Ovviamente in chiave horror demenziale.

Uno di questi fu “Critters – gli extraroditori” un film che, a differenza degli altri titoli in questo articolo, godeva di un budget più alto.

Con Dee Wallace protagonista, reduce qualche anno prima dello straordinario successo di “E.T” e che avevamo visto anche in “Cujo” tratto da Stephen King, il film ebbe un incredibile quanto inaspettato successo tale da generare altri tre seguiti con protagonisti queste palle di pelo con molti denti, pronti a triturare qualsiasi cosa gli capitasse davanti.
E, fra gli altri, anche un giovane Billy Zane che solamente l’anno prima aveva partecipato al mitico “Ritorno al Futuro” e che sarebbe stato il cattivo del “Titanic” di James Cameron un decennio dopo.

Questo è l’unico film, di quelli qui in elenco, ad aver visto al cinema.
Ricordo quel delirante pomeriggio con i miei amici al cinema del paese, in quelle indimenticabili domeniche passate in sala a gustarci, fra risate e schiamazzi, moltissimi titoli di questo decennio.

Il terzo capitolo di questa “saga” è famoso anche perché segna il debutto cinematografico di uno dei più grandi attori attualmente in circolazione.
Infatti fra i protagonisti c’è anche un bambino a nome Leonardo Di Caprio.

Il ritorno dei pomodori assassini

 

Altro giro, altra corsa, altro film delirante già dal titolo.
Seguito di un cult di dieci anni prima, qui si toccano vette di trashsimo davvero altissime.
Le carte per una perfetta storia demenziale ci sono tutte.
Uno scenziato pazzo, un piano diabolico per conquistare il mondo, una creatura creata in laboratorio (in queso caso una donna), un eroe giovane bello e molto ingenuo e dei mostri molto particolari, i pomodori del titolo.

Già questo dovrebbe farvi venir voglia di vedere il film al volo.

Aggiungiamo che lo scienziato pazzo è interpretato dal grande John Astin, il famoso Gomez della serie tv “La famiglia Addams” e, nei panni dell’eroe bello e scemotto, un giovane e quasi al debutto George Clooney.

Lo so, avete già in caldo i pop corn da gustare pronti alla visione, anche se vi starete chiedendo come recuperare questo titolo.
Tranquilli, è nel catologo di Amazon Prime Video.

Ghoulies

 

Concludo questo veloce elenco con un titolo che adoro letteralmente.
Come non si fa a rimanere affascinati da un film dove i mostri protagonisti sono degli esseri diabolici, ributtanti, bavosi, con molti denti e che, nella locandina, sbucano direttamente dalla tazza del water?
Come… come poter resistere?

Aggiungiamo la magia nera, i classici giovani amici studenti sballati, evocazioni demoniache, zombi, situazioni demenziali, qualche nudità e, come detto prima, i mostriciattoli fra roditori , gorilla nani e il mio preferito, il verde antropomorfo protagonista.

Un grande classico che, quando posso, rivedo sempre molto volentieri e che ha generato ben tre assurdi seguiti.

Se non avete mai visto nessuno di questi titoli, ora avete una ottima scusa per recuperarli.
Buon halloween!

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
Exit mobile version