Home Retrogames Wonder Boy In Monster Land

Wonder Boy In Monster Land

460
Wonder Boy

Il ragazzo delle meraviglie ritorna…

Wonder Boy“, titolo di SEGA/Westone del 1986, era un platform semplice e geniale, come molti titoli arcade dell’epoca… In questo primo episodio, la parte del Wonder Boy era “interpretata” da Tom Tom, biondo ragazzino preistorico, che, armato di clava e di skateboard (un deciso ma divertente falso storico!), doveva viaggiare attraverso mondi pieni di strani nemici, per poi raggiungere la tana dello stregone Drancon e salvare la sua ragazza Tanya dalle torture del malvagio. Una trama basilare, certo, ma non per questo noiosa e banale: in pochi avrebbero potuto pensare a un seguito dello stesso genere, condito dalle adeguate migliorie, ma a SEGA bastò solo un anno per riproporre le gesta del ragazzo delle meraviglie, con uno stile tutto nuovo, e decisamente inusuale e mai visto nelle sale giochi: “Wonder Boy” evolve e diventa, nel 1987, un vero e proprio Gioco Di Ruolo!

“Tu sei il prescelto…”

Wonder Boy In Monster Land” narra delle avventure di Shien, il nuovo Wonder Boy, il cui scopo è attraversare diversi intricatissimi livelli nel coraggioso tentativo di eliminare un temibile drago: all’inizio del gioco ci si ritrova letteralmente in mutande, e sarà un veggente a rivelarci il nostro ruolo di salvatori del mondo, donandoci la nostra prima spada, il Gradius.
Dopo questo breve colloquio, un ascensore ci porterà verso nuovi orizzonti, nuovi nemici e nuove avventure, in un atmosfera che poche volte è stata ripresa con il dovuto onore nelle sale giochi. “WBML” possiede tutto quello che un giocatore di GDR amante del fantasy possa desiderare: nemici sempre più forti, tesori, equipaggiamenti e magie, e tutto con la minima spesa di un gettone! Pur mantenendo lo stile platform del primo episodio, SEGA ne modifica il gameplay, rendendo il protagonista più lento e i nemici più scaltri, trasformando la frenetica azione in un insieme di approcci meditati e complessi, soprattutto nelle sezioni di gioco più avanzate…

wbDurante il viaggio, Shien potrà migliorare le sue competenze visitando alcuni luoghi specifici, i negozi: attraverso le monete accumulate durante gli stermini o attraverso alcuni passaggi e movimenti segreti, si potranno acquistare stivali per migliorare la propria velocità, armature per aumentare la propria resistenza e scudi per resistere agli attacchi a distanza; vanno, inoltre citati, alcuni negozi particolari, come i bar, dove sarà possibile curarsi e ottenere informazioni, e le infermerie, dove potremmo ottenere cure complete a prezzi abbastanza ragionevoli.
Menzione d’onore va agli oggetti come bombe, palle di fuoco, tornadi o fulmini: tutti aiuti supplementari all’annientamento dei nostri nemici. Tra i vari sotto-equipaggiamenti, invece, fanno la loro comparsa un guanto, che vi farà infliggere il doppio del danno, un elmo, che dimezzerà i danni subiti, un paio di stivali alati per volare sopra i burroni più letali e una mantella per evitare tranquillamente i nemici: sfortunatamente, questi piccoli gioielli hanno un tempo d’uso limitato… Bisogna usarli con parsimonia e studiando bene le strategie adeguate…

Wonder Boy In Monster Land

Un segreto in ogni angolo!

Durante l’esplorazione di alcune città o caverne, potrebbe apparire una piccola finestra di dialogo… Cosa può nascondere questo piccolo e apparentemente inutile intermezzo? SEGA, non paga dell’immenso mondo che ha fornito al giocatore con la storia principale, ha inserito una lunga e complicata sub-quest: quando Shien sentirà un rumore egli dovrà cercare di bussare sul muro… Solo così potrà scoprire alcune porte segrete, che condurranno a nuovi bizzarri personaggi che lo aiuteranno a completare la sua missione, fornendogli alcuni oggetti fino alla conquista finale di una campana, utile per superare l’ultimo, labirintico livello, o di un rubino, necessario per togliere metà energia al drago finale con un solo colpo! Inoltre, oltre ad attivare questa missione aggiuntiva, le porte nascoste possono condurre ad alcuni boss, che, una volta sconfitti, abbandoneranno una spada di livello più alto, che Shien potrà usare per farsi strada nei livelli successivi con maggiore facilità! Nonostante questo, mentre si gioca la partita regolare, sarà facile notare come l’assenza di queste spade potenziate rovini l’esperienza di gioco: nei livelli avanzati la difficoltà generale raggiunge livelli altissimi anche possedendo tutti i potenziamenti del caso, e dovendo per forza correre dietro a un frustrante tempo limite, le spade più evolute diventano NECESSARIE alla sopravvivenza… Senza si è condannati… Forse per questo motivo sarebbe stato meglio inserirle senza troppi fronzoli nell’avventura principale… Sarà stata una manovra di SEGA per rendere il gioco più avvincente e interessante, ma sfortunatamente la scelta si dimostra non equilibrata e poco convincente…

Conclusione

“Wonder Boy In Monster Land” è un interessante quanto riuscitissimo esperimento di integrazione di due generi videoludici molto diversi, quali lo sono il gioco arcade e il gioco d ruolo. Le avventure di Shien si ripropongono sempre fresche e vitali grazie al fattore fortuna, spesso fin troppo rilevante durante l’azione nell’insieme. Nonostante la troppa importanza della buona sorte, questo titolo richiede comunque una discreta abilità, ed è probabile che un giocatore inesperto potrebbe trovarlo frustrante e troppo complicato e avrebbe alcune difficoltà a carpire il valore senza tempo di questa piccola e singolare gemma che la nostra storia conserva.

Alessandro “Il Notturno” Perlini

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.