Home Disco & Dischi Careless Whisper

Careless Whisper

103
Oggi vi voglio parlare di uno dei lenti più belli di sempre. Una canzone inconfondibile che si riconosce dalle prime note. Un assolo di sax diventato di culto. Sì, sto parlando di “Careless Whisper” di George Michael, successo internazionale del 1984.

George Michael si separa nel 1985 dal duo Wham!, dove in coppia con Andrew Ridgeley aveva creato dozzine di hit di successo in mezzo mondo; ma già nel 1984 esce questo singolo da solista, la cui storia è iniziata molti anni prima.

Torniamo quindi al 1981, quando per campare mentre sogna di diventare musicista George svolge due lavori: cameriere e DJ presso il ristorante Bel Air a Bushey.

“Stavo andando al Bel Air quando ho scritto Careless Whisper”, ricorda George. “Ho sempre scritto su autobus, treni e auto. Mi succede spesso in viaggio… Con Careless Whisper ricordo esattamente dove mi è venuta la prima volta, dove ho inventato la linea del sax… Ricordo che stavo consegnando i soldi al ragazzo sull’autobus e mi è arrivata questa linea, la linea del sax. Ci ho lavorato per circa tre mesi nella mia testa. “

Ecco che inizia a crearsi il primo abbozzo di canzone, ma manca ancora un testo all’altezza. George pensa ad una storia avuta con una ragazza di nome Jane.

“C’era una ragazza con lunghi capelli biondi che si chiamava Jane. Ero un ragazzo grasso con gli occhiali e avevo una grande cotta per lei, anche se non avevo alcuna possibilità, e passavo il pomeriggio a svenire per questa ragazza. Poi ho iniziato a frequentare un’altra ragazza, Helen, e stavo dimenticando Jane quando ho scoperto che si era trasferita proprio dietro l’angolo della mia scuola, e un giorno l’ho vista camminare lungo il sentiero accanto a me. Poi con The Executive (il primo gruppo di George e Andrew, ndr) abbiamo suonato in una discoteca della scuola, lei mi ha visto cantare e mi ha invitato ad uscire. Così sono uscito con lei per un paio di mesi ma non ho smesso di vedere Helen. Pensavo di essere intelligente: ero passato dall’essere un perdente totale ad avere due ragazze contemporaneamente!”

Iniziano a vedersi sprazzi del George che sarà, insomma. Jane però scopre tutto e si sbarazza di lui, il cantante rimane solo e sentendosi in colpa per come si è comportato, così nasce l’idea della canzone: In “Careless Whisper” sono proprio lui e Jane che ballano insieme.

Il testo è davvero bello: George si chiede dove abbia sbagliato e prega l’amata di restare, di non andarsene, perché lui non ballerà mai più con nessun altra come aveva ballato con lei.

I’m never gonna dance again
Guilty feet have got no rhythm
Though it’s easy to pretend
I know your not a fool
Should’ve known better
than to cheat a friend
and waste the chance
that I’d been given
So I’m never gonna dance again
The way I danced with you

Il testo George lo scrive insieme a Ridgeley, e i due continuano a lavorare alla canzone creando varie demo fino ad ottenere la versione del 1984, che tutti conosciamo. Per l’assolo di sax vennero provati 11 sassofonisti: ogni volta che la versione era pronta, George storceva sempre il naso, mancava sempre qualcosa… poi l’interpretazione di Steve Gregory colpì l’artista, e scelse bene, perché ad oggi è uno dei migliori assoli della musica.

Il videoclip combina scene di George Michael che canta la canzone su uno sfondo scuro, tenendosi a delle corde che scendono dal soffitto, con il progredire di una storia d’amore interpretata da George stesso che, viene “scoperto” in compagnia della propria amante dalla donna tradita che scapperà via con un idrovolante. Inutile sarà il tentativo di fermarla. Il video termina con la ragazza che si toglie l’anello di fidanzamento e George, nell’ultima scena, è affacciato al balcone dell’ultimo piano di un appartamento al tramonto.

Il singolo “Careless Whisper” ha raggiunto il numero 1 in 25 Paesi, vendendo circa 9 milioni di copie in tutto il mondo. Con questo brano George viene consacrato a livello mondiale conquistando gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone. Una delle canzoni più conosciute della storia.

Articolo precedenteSpot – AVA Detersivo con MILVA
Articolo successivoIl bullismo negli anni 80 tra riti di iniziazione e prove di coraggio
Matteo Redigolo, mi conoscono su Twitter come @80sLOV e sono un grande appassionato del decennio ottanta (ma anche di quello precedente). Fan di Sabrina Salerno, Duran Duran, Spandau Ballet, Samantha Fox....

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.