Home Retrogames RoboCop Rogue City: ritorno agli anni 80

RoboCop Rogue City: ritorno agli anni 80

107
RoboCop Rogue City

Dopo aver lavorato sulla licenza di Terminator, Nacon e Teyon hanno deciso di prendersi un’altra bella responsabilità: portare su console un titolo ambientato nel mondo di RoboCop, ed in particolare situato a livello cronologico tra gli eventi del primo e del secondo film, senza dubbio i più amati dai fan.

RoboCop Rogue City è uno sparatutto in prima persona con elementi di avventura investigativa e gioco di ruolo di matrice occidentale.

Gli autori del videogioco hanno deciso di collocare le vicende di RoboCop Rogue City tra gli eventi del primo e del secondo film, quando Alex Murphy si è abituato, per quanto possibile, al suo nuovo ruolo di difensore della legge a tempo pieno alla mercé della multinazionale OCP, senza più una parvenza di vita privata.

 

RoboCop risolve i problemi criminali di Detroit… per sempre.
Apprezzabili, sebbene piuttosto acerbi, i tentativi di dotare il titolo di una flebile anima da gioco di ruolo, con la possibilità di ricevere missioni secondarie da diversi personaggi non giocanti, molte delle quali potranno essere portate a termine in differenti modi, adottando approcci violenti o provando a far ragionare i malviventi, senza spargimenti di sangue.

Le voci sono quelle originali del cast dei primi due film, dal protagonista a Nancy Allen, che ha prestato il volto alla determinata Anne Lewis, e la colonna sonora, che pure consta di motivi originali, poggia principalmente sull’indimenticabile main theme che ha contribuito a rendere immortale la pellicola d’esordio.

Il gioco non è poi così male, forse per i limiti di budget, si poteva sicuramente fare di più, ma se siete fan di Robocop è una buona occasione per ritrovarvi immersi nel mood anni 80 dei due film.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.