Home Serie Tv Telefilm Babysitter (Charles in charge)

Telefilm Babysitter (Charles in charge)

138
Babysitter è una sitcom che avuto non poche difficoltà durante il suo percorso.

Protagonisti Scott Baio reduce dal successo di Happy Days (dove interpretava Chachi Arcola) e Willie Aames, star del film “Paradise” e della serie “La famiglia Bradford” nei panni di Tommy. Scont Baio interpreta Charles, il babysitter della famiglia Pembroke, composta da padre, madre e tre adolescenti: Lila, Jason e Douglas.

La prima stagione di Charles in Charge trasmessa in USA il mercoledì in prima serata non riuscì ad ottenere gli ascolti sperati, tanto che la CBS volle cancellarla. Tuttavia, la Universal Television, decise di distribuire una seconda stagione attraverso le reti locali, nel 1987, rinnovando però la quasi totalità del cast.

Con il reboot del 1987, solo Scott Baio e Willie Aames vennero confermati nei loro ruoli di Charles e Buddy, quest’ultimo sempre meno donnaiolo e sempre più spalla comica per via della sempre più ostentata, incredibile ingenuità.

La famiglia Pembroke, giudicata non sufficientemente “simpatica”, venne fatta “trasferire” a Seattle dalla nuova sceneggiatura, mentre la loro casa di New Brunswick veniva rilevata da una nuova famiglia: i Powell che avrebbero ereditato non solo l’appartamento ma anche il “babysitter” Charles.

L’aver sostituito ai Pembroke una famiglia in cui dominavano la scena due graziose teenager, aveva dato alla serie una nuova impronta. Per le ragazzine, pubblico principale del telefilm, era ora molto facile immedesimarsi in Jamie o Sarah e immaginarsi impegnate in un platonico rapporto privilegiato con un bel ragazzo, premuroso e divertente.

Un altro personaggio importante è l’attore James T. Callahan che interpretava Walter Powell, burbero nonno, veterano di guerra, protagonista di molti momenti comici nel suo rapporto con “i giovani”.

Questa seconda vita dello show diede ottimi risultati, tanto che la serie venne rinnovata per ulteriori tre stagioni, fino al 1990.

Nel corso della serie, Ellen Travolta (sorella del più famoso John Travolta, che già interpretò il ruolo della madre di Scott Baio/Chachi in Happy Days) entrò a far parte del cast nel ruolo della svampita ed esilarante madre di Charles: Lillian.

Attenti ai babysitter

In tempi recenti, sull’onda dello scandalo che ha travolto Harvey Weinstein, anche Scott Baio è stato oggetto di denuncia per molestie. All’inizio del 2018, l’ex co-star Nicole Eggert (Jamie Powell) ha dichiarato di essere stata oggetto delle avance dell’attore per anni (aveva 14 anni all’inizio della serie, mentre Baio ne aveva 26) e di aver avuto rapporti sessuali con lui quando ancora era minorenne.

Anche Alexander Polinsky (che in “Babysitter” interpretava il piccolo Adam) ha denunciato il comportamento tenuto da Baio nei suoi confronti dicendosi oggetto di maltrattamenti, offese a sfondo omofobo e bullismo.

Scott Baio ha respinto le accuse di entrambi, sostenendo che si tratti di assolute menzogne.

Sulla questione, la terza “ragazzina”, Josie Davis (Sarah), si è espressa tramite un tweet in cui ha dichiarato di aver avuto sempre un rapporto sereno e professionale con Baio ma di non volersi esprimere ulteriormente sull’accaduto per rispetto di tutte le persone coinvolte nel caso legale.

L’odissea di Buddy

E Buddy Come se la passa oggi?

Willie Aames ha affrontato una lunga lotta con l’alcolismo e la dipendenza da droghe. Finito in bancarotta, si è trovato, per un periodo, perfino a vivere come senzatetto.

Alla fine, è riuscito a uscire dal tunnel, si è disintossicato e ha trovato lavoro sulle navi come direttore di crociera, per poi tornare a fare l’attore.

Oggi è sposato con una fan di vecchia data, che continuò a scrivergli lettere di ammirazione per anni, fino a che l’attore non ha voluto conoscerla e i due si sono innamorati.

Il lieto fine degno di una fiction per famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.