Home Serie Tv Alf torna sulla terra

Alf torna sulla terra

187
alf
Farà felici milioni di ex bambini l’annuncio della Warner Bros di star lavorando a un reboot di Alf.

Tornerà dunque sulla Terra l’alieno di 229 anni proveniente dal pianeta Melmac (dove l’erba è blu, il cielo verde e il sole porpora), permanentemente affamato a causa degli otto stomaci.

Ultimo della sua specie dopo il disastro nucleare sul Melmac causato dall’accensione simultanea di miliardi di asciugacapelli, Alf era arrivato per la prima volta nel 1986 seguendo un segnale radio fino a schiantarsi nel garage dei Tanner, la classica famiglia americana, che decide di tenerlo nascosto in cucina (un po’ come E.T.) dove Alf passa il tempo dedicandosi al cibo e alla TV (dai riferimenti ai cui programmi nascono alcune delle gag più divertenti della serie).

Irriverente, stralunato e simpaticissimo, Alf (che stava per Alien Life Form) era uno spettacolare incrocio tra “E.T.” e “Tre cuori in affitto”, e arrivò sui nostri schermi quasi in contemporanea con gli USA.
A trasmettere la serie fu per prima la RAI, per la quale questa sitcom fantascientifica “politically correct” aveva il doppio merito di non avere l’estetica horror di Visitors e di non sfiorare nessun tema scabroso per la DC tipo omosessualità, convivenza a tre, amore libero, eccetera.

La cosa buffa è che, per come si sono messe le cose, Alf sarebbe molto meno tollerabile oggi, con la sua passione per mangiare i gatti, che non allora; i diritti degli animali sono oggi fra le prime preoccupazioni mentre quasi tutto quello che attiene alla sfera sessuale è stato nel frattempo sdoganato.

Anche il buon Alf comunque ebbe il suo bel daffare con la censura, specie in un Paese come gli Stati Uniti dove l’ingenuità della popolazione è leggendaria. Finché ad Alf fu proibito di farsi vedere mentre beveva birra (pur essendo maggiorenne da oltre due secoli), ancora ci sta. Ma quando alla Commissione USA arrivarono le segnalazioni che un bambino aveva messo il gatto nel microonde dopo aver visto Alf farlo (ecco da dove arriva questa leggenda…) e che un altro aveva cercato di imitare Alf mentre cercava di costruirsi una Jacuzzi buttando il mixer nella vasca da bagno, la scure della censura si abbatté sul povero alieno peloso. Intere scene vennero girate di nuovo, mentre di tanto in tanto Alf si prodigò in disclaimer del tipo “non fate come me”.

Aspettiamo quindi con ansia di vedere con chi se la prenderà nel reboot, come sarà la nuova famiglia (ispanica o di colore, scommettiamo?), chi ci sarà dentro di lui (o useranno la computer graphics?) se il web e i social media avranno preso il posto della TV e i gatti saranno rimasti al top delle sue preferenze culinarie.

Del resto il buon Alf dovrebbe essere (almeno) duecentosessantunenne e quindi aver messo giudizio… o no?

Articolo precedenteNeo Geo Mini in uscita ad Ottobre
Articolo successivoFOOTLOOSE Soundtrack – The Story Behind — Privato
cavaz
Nato nel 1973, ha di conseguenza preso gli anni 80 in piena faccia, e non si è più riavuto. Ha vissuto tra Piacenza, Milano, Parigi, Roma e Torino facendo il raccoglitore di pomodori, il programmatore, l'ingegnere, il ricercatore, l'insegnante, il dipendente pubblico, il pugile, il giornalista, il traduttore, il cassintegrato e il disoccupato. Si sposta solo in moto, detesta i social media e rilegge sempre gli stessi libri.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.