Home Disco & Dischi Happy Children

Happy Children

1540
Happy Children

In questo ultimo periodo si parla della cosiddetta “Happy Song”, canzone che dovrebbe, a quanto dicono gli scienziati, far ridere i bambini…

Già negli anni 80 c’era qualcosa di simile. Anzi, uguale. Stesso titolo “Happy Song” del gruppo Baby’s Gang, poi rifatta anche dai tedeschi Boney M. Ma il vero successo di quegli anni di cui voglio parlare oggi è “Happy Children” di P. Lion (Pietro Paolo Pelandi), che nel 1983 fece ballare l’intera Europa. Questo resta a mio parere uno dei successi italo disco più grandi e più ricordati: il caso di un artista che con una sola canzone viene ricordato a vita – anche se noi lo ricordiamo anche per altri successi come Reggae Radio, Believe Me e Dreams!

Il brano viene prodotto da Pelandi che oltre a cantarlo ne scrive musica, testo e suona i synth in studio. Fondamentale il contributo di Marco Gotti per le sezioni di sax, del batterista Bruno Bergonzi e del fonico Enzo Maffione.

Il produttore artistico ed esecutivo fu Davide Zambelli della Band Scotch, che propose Happy Children a Saverio Lombardoni (scopritore tra l’altro di Den Harrow, Gazebo e fondatore in seguito della casa discografica DiscoMagic). Lombardoni consigliò di rifare il mix definitivo nello studio di Massimo Noè con la consulenza di Turatti e Chieregato. I due, che avevano le mani in pasta con questo genere musicale, americanizzarono il nome del cantante in P. Lion e misero mano subito al pezzo spostando all’inizio della canzone quel famoso giro di tromba (synth) che tutti noi ancora fischiettiamo.

Il brano ottiene successo subito in Italia, ma anche in altri Paesi europei: in Francia l’anno seguente, dove nel 1984 il nuovo singolo Dream verrà addirittura adottata per 9 anni come sigla della trasmissione radiotelevisiva “Top 50”.

Oltre 3.000.000 di copie vendute con Happy Children!!!!

Dal 1984 al 2000 i 2 brani vengono continuamente remixati restando sempre in classifica, negli anni 90 P.Lion produce dei nuovi singoli come “Believe Me” e “Under The Moon” .

Nel 2005 Pelandi fonda a Bergamo uno studio di registrazione, i P.Lion Studios dove costruire il meglio della musica, con strumenti a lui cari come le tastiere, sintetizzatori. Purtroppo dopo pochi anni il progetto viene abbandonato, P.Lion si rifugia in un altro studio dove dal 2012 collabora occupandosi di editing, mix e mastering.

p.lionIl testo di “Happy Children” parla del mondo visto dai bambini, o meglio racconta il mondo del 1983 ai bambini, che non hanno pensieri e cantano felici: un testo che fa riflettere ancora oggi, attualissimo.

Sempre la guerra
Nel 1983
Questo è il mondo di oggi

Nella nostra mente
C’è solo il denaro
E non c’è niente per te

Dieci ore di lavoro
Niente fiori nei pensieri
La vita scorre senza felicità

Sogni quotidiani
Di una vita migliore
Ma rimangono solo sogni

Voi siete i bambini
La vostra vita sarà molto dura
Voi siete i bambini
Cantate ogni giorno

Avere un amico
A cui spiegare il tuo piccolo problema
Ora puoi dire di averlo?

Qualche volta tu speri
È solo un’illusione
Non sperare, è meglio

Ma il potere dei bambini
Vincerà, ne sono sicuro
Vedrai dolci amanti per noi

La tua fantasia
Troverà nuovi bei colori
Ma ora è tempo di andare via

Voi siete i bambini
La vostra vita sarà molto dura
Voi siete i bambini
Cantate ogni giorno

Voi siete i bambini
La vostra vita sarà molto dura
Voi siete i bambini
Cantate ogni giorno

P.Lion oggi
P.Lion oggi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.