Home Film La voce del padrone

La voce del padrone

112
La voce del padrone

Distribuito in 200 copie per un’uscita evento in tutta Italia, arriva in sala “La voce del padrone”, il documentario di Marco Spagnoli che racconta Franco Battiato attraverso i nitidi bagliori di chi lo ha conosciuto, ha lavorato con lui, gli ha voluto bene. Fine dicitore di questo viaggio è Stefano Senardi, produttore discografico che con la sua sensibilità, il suo gusto e il suo acume troviamo ricorrente in tante di quelle release che hanno fatto grande la musica in Italia.

Si può raccontare Franco Battiato? È possibile circoscrivere il suo talento multiforme, costringere in 90 minuti l’arte e l’esistenza di un uomo che instancabilmente ha cercato di comprendere nelle sue mani l’energia della creazione e la calma della meditazione?

La voce del padrone – trailer ufficiale:

Spagnoli e Senardi si misurano, e a volo d’uccello – come le meravigliose immagini del drone che solcano la terra nera dell’Etna – ci riescono. A partire da quel centro di gravità che “La voce del padrone” rappresenta nel percorso di Battiato, il film riesce ad essere leggero e commovente, muovendosi avanti e indietro nel tempo e cercando le parole più giuste per definire stile e approccio, weltanschauung e metodo di lavoro di un genio.

Se Nanni Moretti lo ricorda (e noi ricordiamo la memorabile versione di Moretti in “Palombella Rossa” di E ti vengo a cercare) per l’ironia e la profondità, Morgan ne sottolinea alcune inedite peculiarità lavorative (provare, spostare e riposizionare fino ad ottenere il risultato immaginato). Belle anche le parole di Eugenio Finardi, nel ricordo di come rimase a bocca aperta (Battiato Extraterrestre?) nell’ascoltare per la prima volta ciò che andava a formare l’album per eccellenza. Quello che in appena trenta minuti ha segnato un prima e un dopo nella storia del pop italico.

Uscito il 21 settembre 1981, sul finire dell’estate, “La voce del padrone” resterà in classifica fin oltre quella del 1982.

Videoclip “Summer on a solitary beach”

Alberto Radius ne sottolinea la generosità, Vincenzo Mollica è testimone di uno dei momenti più toccanti. Ma tutti con i loro frammenti, che Senardi raccoglie inserendo con tenero affetto d’amico anche i suoi, vanno a comporre il ritratto di Battiato artista e uomo.

Distaccato e amante della risata, propenso alla solitudine ma anche votato alla compagnia (la sua casa di Milo era sempre aperta agli amici), noi sposiamo le parole di Carmen Consoli: sarebbe stato bello se fosse rimasto con noi più a lungo. Ancora un po’.
Ne avremmo avuto, tutti, un grande giovamento.
E questo documentario emozionante e asciutto ne è la testimonianza.

Una produzione RS Productions in associazione con ITsART, distribuzione Altre Storie con RS Productions.

Fino al 4 dicembre, al cinema.

Articolo precedenteLE COVER ITALO DISCO – Seconda parte
Articolo successivoIndiana Jones e la Ruota del Destino: primo trailer italiano
Sceneggiatore, regista, musicista, podcaster, si diverte a fare incursioni là dove lo porta la curiosità. Con Fabio Fraschini è anima, mente e cuore di Milano 84, progetto musicale che nasce dal desiderio di manipolare il pop degli anni 80 per portarlo in quello di oggi e vedere l'effetto che fa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.