Home In Evidenza Load, press play on tape. Il mio C64

Load, press play on tape. Il mio C64

44
press play on tape
Load, press play on tape. Il mio C64.

Ero piccolo. Lo so per due motivi: ero io e avevo le mani piccole.
Ospite di alcuni cugini ad Asti – sì, avevo dei cugini ad Asti – scoprii per la prima volta quello che sarebbe uno dei miei compagni di giochi e di attese, lunghissime attese: il Commodore 64.

Il gioco che mi fece innamorare, e il primo a cui giocai, fu “International Karate”. Bellissimo.

Avvincente. Realistico (dai era realistico per l’epoca, fino a qualche giorno prima il massimo dell’alta definizione per me era “Pong”).

Comunque, dicevo, fu amore. Non so come, convinsi mio padre a regalarmi un C64 e da lì ci furono grandi pomeriggi pieni di “Load, press play on tape”. E di attese, lunghe attese per caricare i giochi… per poi giocare pochi minuti.

Quanto amore per il C64. Quanto odio per le attese. Tanto. Troppo. Volete sapere come finisce la storia e qual è la morale?

Ma certo: Load
Press Play on Tape