Home Cucina Il menu di Natale anni 80

Il menu di Natale anni 80

635
Natale

State pensando al menu di Natale?

Mollate le ricette vegan e le diete senza burro e grassi, mettetevi una bella giacca con le spalline o a scelta un terribile maglione con le renne e buttatevi in un fantastico cenone a tema anni 80! Il decennio dell’ostentazione, in cui non ci si poteva chiaramente aspettare un menu all’insegna della sostenibilità e della leggerezza…

Arrivavano i primi mega supermercati e i carrelli erano stracolmi di panna, margarina, merendine burrose , bibite iper-zuccherate nere o arancioni per i bambini e per gli adulti un bel bottiglione di vino (si sperava non al metanolo) o lo spumantino di dubbia qualità nel classico pacco di Natale (sì, quello è rimasto). Che poi in provincia dove stavo io la spesa per le feste si faceva nelle botteghe di paese, in città si andava solo per acquistare i prodotti difficili da reperire – diciamo quelli più chic – mentre il formaggio, quello buono, lo dava il casaro amico di famiglia.

La nonna preparava la lunga lista della spesa per il 24 sera-25 pranzo-26 pranzo-31 sera-1 pranzo, una vera battaglia contro lo spettro del languorino. Era il decennio dell’abbondanza, dove tutti sprecavano e si adoravano le uova di lompo (il caviale non era per tutti), i crostacei con abbinamenti assurdi e quintalate di salmone affumicato.

I miei erano Natali dove la festa era vera, tanti ospiti a cena e io ero obbligato a leggere la poesia di Natale così da ottenere il tanto agognato “Caravaggio” – la rossa banconota da 50.000 lire.

Ma come possiamo ricreare oggi una perfetta cena di Natale? Non temete: noi de glianni80 siamo qui ad aiutarvi con qualche idea per fare un figurone di fronte ai vostri commensali e rendere il cenone veramente indimenticabile.

Insalata russa
Maionese e anni 80, che coppia!
In una cena che si rispetti a tema 80 non può assolutamente mancare l’insalata di salsa bianca che con estro si può trasformare (come faceva la mia nonna) nella forma di un grazioso alberello di natale.

Tartine
Le tartine!
E via altri tubetti di maionese, al limite un gustoso patè di olive oppure con le immancabili uova di lompo. Anche in questo caso i più estrosi le presentavano a forma di cuore, di stella o nel mio caso semplicemente a triangolo (triste, lo so).

Cocktail di gamberi
Abbiamo già parlato di quelli di scampi, ma il cocktail in qualsiasi forma e presentazione è il top degli anni 80, tanti gamberi affogati nella pluripremiata salsa rosa. La decorazione? Una bella julienne sottile di insalata o una foglia intera di lattuga, e il successo è assicurato.

Tortellini con la panna
Nel centro-nord cappelletti in brodo; da noi nel piacentino i tanto amati anolini per la vigilia di Natale. Ma in gran parte del Paese il piatto evergreen del periodo erano i tortelli con la panna. Panna, panna, fiumi di panna.

Aspic
Ho i brividi solo a pensarci. Avevamo gelatina ovunque, monumenti trasparenti che contenevano qualsiasi cosa: dal pesce alle verdure, dal pollo a misteriosi mix di cose viste prima. Fortunatamente nei miei menù non esisteva, ma nella Milano da bere non poteva assolutamente mancare.

Penne vodka e salmone
Non voglio tediarvi con l’importanza del salmone nelle tavole degli anni 80. Vi rimando semplicemente alla ricetta pubblicata da noi qualche tempo fa.

Risotto con qualsiasi cosa
Sì, perché in quel periodo al riso potevi abbinare qualsiasi cosa: fragole, champagne, melone. Tutti adoravano i risotti particolari, viene ancora da chiedersi il perché…

Frutta esotica
Nel 2017 la troviamo ovunque, di qualsiasi tipo, giunta in poche ore dall’altro capo del globo; ma negli anni 80 averla in tavola era segno di ricchezza, per spezzare l’antica (e ancora attualissima) tradizione della frutta secca.

Non importa se negli anni 80 la tredicesima finiva tutta per la spesa: i pranzi e le cene delle feste dovevano essere il top del top, ingrassare era buona cosa, le famiglie e i ristoratori si davano battaglia sulla qualità e i ristoranti “all can you eat”, fortunatamente, non esistevano ancora…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.