Home Sport Addio a Vito Chimenti: attivo negli anni Settanta/Ottanta, fu l’inventore della “bicicletta”

Addio a Vito Chimenti: attivo negli anni Settanta/Ottanta, fu l’inventore della “bicicletta”

193
Vito Chimenti
Nel pomeriggio dello scorso 29 gennaio si è spento Vito Chimenti, stroncato a 69 anni da un malore prima della gara (poi non giocata in segno di lutto) dell’Eccellenza lucana tra il sodalizio materano del Pomarico (del quale Chimenti era allenatore delle giovanili) e il Real Senise: inutile il tentativo di rianimarlo effettuato dagli operatori del 118.

Nato a Bari il 9 dicembre 1953, Chimenti (fratello e zio rispettivamente di Francesco Chimenti e Antonio Chimenti, anch’essi calciatori) fu un centravanti attivo negli anni Settanta/Ottanta con le maglie di Lazio (seppur per un breve periodo), Matera, Lecco, Salernitana, Palermo, Catanzaro, Pistoiese, Avellino e Taranto: non alto ma agile, fu l’inventore della “bicicletta”, cioè la modalità di dribbling consistente nell’alzarsi il pallone con il tacco e farlo passare sopra la testa dell’avversario (gesto tecnico reso celebre dall’argentino Osvaldo Ardiles nel film del 1981 “Fuga per la vittoria”).

Una sua rete già al 1’ portò in vantaggio il Palermo nella finale di Coppa Italia 1978-’79 con la Juventus (poi vittoriosa per 2-1 dopo i tempi supplementari).

Il suo palmarès annovera il successo nel campionato di Serie D (girone H) 1975-’76 con il Matera e a livello personale il titolo di capocannoniere (con tredici realizzazioni) del girone B della Serie C-1 1982-’83 fra le fila del Taranto.

Al suo attivo (tra l’altro) 77 presenze e 13 reti in Serie A: i 9 goal realizzati con la maglia della Pistoiese nell’annata 1980-’81 lo rendono il miglior marcatore degli arancioni in massima divisione, in quanto quella fu l’unica loro annata nell’Olimpo del calcio nostrano.

La sua carriera da allenatore (iniziata nel 1994) lo vide all’opera sia quale coach in prima (guidando Avigliano, Matera e Leonessa Altamura) sia come vice (Rimini, Casarano, Lanciano, Messina e Foggia), nonché nelle vesti di collaboratore tecnico (Salernitana e Messina) e di mister delle giovanili (Pomarico).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.