Home Italodisco FLASH IN THE NIGHT – SECRET SERVICE

FLASH IN THE NIGHT – SECRET SERVICE

78
FLASH IN THE NIGHT

Si torna a parlare di musica internazionale, con uno dei brani tra i più ricordati degli anni 80. Oggi ci spostiamo dall’Italia, ma non andremo ne in Inghilterra, ne negli stati Uniti, tanto meno in Francia o Germania.

Affronteremo un lungo viaggio fino in Svezia, ma non parleremo nemmeno degli Abba. Era in 1981 e i Secret Service scalarono le classifiche di tutta europa con loro brano Flash in The Night.

A fine anni 70 in gruppo capitanato da Ola Håkansson era già affermato in Svezia dove aveva ottenuto dei buoni piazzamenti nelle chart del paese nordico. Ma è proprio col singolo Flash In The Night che il gruppo raggiunge la popolarità in molti altri Stati.

Nei primi anni 80 nasce un nuovo genere musicale, il synth pop, un agglomerato di tastiere, suoni elettonici, accompagnati da testi pop e melodici.

I Secret Service decidono di tentare la sfida dei mercati stranieri e con Flash in the Night crearono un brano che ad oggi è tra i più rappresentativi del genere, la musica è stata composta da Ola Håkansson assieme a Tim Norell, il tastierista del gruppo, mentre Bjorn Hakansson si è occupato della stesura del testo. In realtà Ola Björn Håkansson per la musica usava il primo nome, ma come autore dei testi si autoindicava con il secondo nome!

Inizialmente pubblicato all’interno dell’album Cutting Corners, dopo il grande successo di massa, è stato estratto come singolo assieme al brano Watching Julietta, presente come lato B.

Al di fuori dei paesi scandinavi, Flash in the Night è ancora oggi, il pezzo più conosciuto dei Secret Service. Appena dopo la sua pubblicazione venne certificato disco d’oro in patria e riuscì ad entrare nella Top 10 di quattro Paesi europei, in Portogallo, dove raggiunse il primo posto, in Finlandia, in Italia e in Svezia, cosa davvero non comune per una band svedese!

Vi consiglio di dare un occhio anche al videoclip musicale, dove vediamo il gruppo che si muove di notte per il centro di Stoccolma, con alcume scene girate al “BZ”, una delle più importanti discoteche della città all’epoca.

La canzone racconta una storia di amore perduto e il dolore di lasciarla andare. Nel brano il protagonista si sente solo e senza speranza mentre l’alba si avvicina. Nell’oscurità, si vedono scorci di luce, che riflettono l’amore perduto. L’uomo vede la sua partner, il momento di felicità presto svanisce, proprio come un lampo nella notte.

Avendo raggiunto la vetta delle classifiche anche in Italia, i Secret Service sono stati di ispirazione a numerosi artisti, tra cui gli Italoconnection che hanno omaggiato di recente la musica scandinava col loro album Nordisko. Al suo interno troviamo i grandi successi della canzone nordica come ad esmpio Donna Rouge dei Fake. Flash in the Night apre la scaletta con un remix davvero moderno, ma sempre con una vena nostalgica verso gli anni 80.

Un bel progetto quello di Fred Ventura e Paolo Gozzetti che consiglio a tutti di andare ad ascoltare!

Gli svedesi Secret Service, catturano in musica, le emozioni e le sensazioni di una storia d’amore finita e così riescono nell’intento di esportare la musicalità scandinava, anche se con forte influenza britannica, in tutta Europa.

Articolo precedenteMichael Jackson e E.T.
Articolo successivo40 anni di Televideo
Matteo Redigolo, mi conoscono su Twitter come @80sLOV e sono un grande appassionato del decennio ottanta (ma anche di quello precedente). Fan di Sabrina Salerno, Duran Duran, Spandau Ballet, Samantha Fox....

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.