Home Serie Tv Ralph: il supermaxieroe impacciato

Ralph: il supermaxieroe impacciato

694
Ralph: il supermaxieroe

Oggi la distinzione fra eroe e antieroe è molto sfumata, ma gli anni 80 erano quelli delle contrapposizioni nette: noi e loro, buoni e cattivi, occidentali e sovietici, o di qua o di là, eroe o pappamolla.

E così veder diventare supereroe uno talmente imbranato da non riuscire a scrivere nemmeno il suo nome alla lavagna senza rompere il gesso ebbe un effetto dirompente. Era una cosa incredibile, come incredibile era Ralph “supermaxieroe”.
Alzi la mano chi non si è immedesimato almeno una volta nel biondo e riccioluto insegnante del telefilm cult anni 80, il personaggio tenero e impacciato che con le sue rocambolesche avventure ha popolato i sogni della nostra infanzia.

William Katt (alias Ralph) - Ieri e Oggi
William Katt (alias Ralph) – Ieri e Oggi

Proprio in questi giorni Ralph Henley (interpretato da William Katt) compie 35 anni: o meglio li compie la sua prima apparizione televisiva, sul network americano ABC, che risale al 18 marzo 1981. In Italia sarebbe arrivato poco dopo, prima su Canale 5 e poi su Italia1. Ralph, ragazzo timido e belloccio, è un tipo e un insegnante ordinario. Un bel giorno, però, gli accade qualcosa di straordinario: incontra gli extraterrestri. E come se non bastasse, le creature aliene gli lasciano un costume che conferisce superpoteri a chi lo indossa: tutina rossa e mantello nero.

Ralph, imbranato com’è, smarrisce subito il libretto di istruzioni; e quando lo indossa, non sa come gestire i superpoteri: la forza, l’invisibilità, il volo, la supervista e insomma tutto quello che un Superman che si rispetti dovrebbe possedere. Ralph dovrà allora procedere per tentativi, avvalendosi dell’aiuto di Bill Maxwell, agente dell’FBI interpretato da Robert Culp, e di Pam Dawson (Connie Sellecca), la sua fidanzata.

Goffo, buffo e un po’ introverso, Ralph nonostante i suoi limiti caratteriali raccoglie la sfida del prodigioso costume e inizia la sua battaglia contro ingiustizia e malviventi. Da bravo supereroe, sventa crimini e salva vite, aiutando il suo burbero ma fidato amico Bill. A conquistare il pubblico furono i goffi tentativi di Ralph di gestire i superpoteri: le continue gaffe e papere, a partire dall’assetto scombinato in volo, e che tuttavia non gli impediscono di portare a termine con successo le sue missioni.

Ralph è dolce, gentile e attento alle necessità della gente. E’ timido ma ha un forte senso della giustizia, e infonde lealtà e generosità anche nel suo “secondo lavoro” di super eroe. Un perfetto personaggio anni 80 (nonché un perfetto personaggio 100% positivo all’americana), Ralph era l’amico ideale di tutti noi più piccoli: il paladino che ciascuno desiderava avere al proprio fianco. Averlo avuto a scuola contro i compagni più prepotenti!

A decretare lo straordinario successo di Ralph supermaxieroe (titolo originale The Greatest American Hero) fu anche la popolarissima sigla “Believe Or Not” cantata da Joey Scarbury, che arrivò al secondo posto della Top40 di Billboard e rimase in classifica 18 settimane. Qualche tempo fa si è parlato di un rifacimento cinematografico della serie, ma il progetto alla fine non è più decollato… proprio come Ralph quando provava a spiccare il volo col suo mantello. Ma del resto come spesso avviene in questi casi, i fan sono divisi tra il desiderio di rivedere il proprio paladino e il timore che un remake non gli renda giustizia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.