Home Disco & Dischi Blue Monday

Blue Monday

60
Oggi torniamo a dedicarci alla musica internazionale, concentrandoci su uno dei brani più popolari degli anni 80, abbiamo già parlato di “Don’t You Want Me” degli Human League o di “Everybody Wants To Rule The World” dei Tears for Fears, ma devo dire che anche questo brano non ha nulla da invidiare a questi due super successi della decade 80.

Un brano pubblicato nel 1983 e che a distanza di oltre 30 anni, è oggi il singolo 12 pollici più venduto di sempre…

Forse qualcuno avrà capito di che brano sto parlando, è Blue Monday dei britannici New Order!

I New Order nascono dalle ceneri di un altro gruppo mitico, i Joy Division, dopo la tragica scomparsa del cantante Ian Curtis, morto suicida. Il gruppo prosegue la traiettoria intrapresa dai Joy Division, mescolando post-punk e musica elettronica, allontanandosi dalle atmosfere più cupe e gotiche per abbracciare sonorità dance.

“Blue Monday” è la perfetta sintesi di questo percorso. Come abbiamo detto, il singolo viene pubblicato il 7 marzo del 1983, per poi essere incluso anche nel secondo album della band “Power, Corruption & Lies”. Il sound è pieno di drum machine e sinth, ricco di percussioni, un brano cult per gli amanti della musica elettronica.

I New Order dissero di aver scritto “Blue Monday” come risposta alla delusione per il fatto che il pubblico dei loro concerti non aveva mai chiesto loro un bis.

Dopo il debutto, il pezzo ottenne un successo incredibile ed entrò nelle top ten di molti Paesi in tutto il mondo; tanto che nel corso degli anni, la band continuerà a sfornare versioni remixate come Blue Monday ’88 e Blue Monday ’95. Questo divenne il loro singolo di maggior successo e uno dei brani simbolo della musica elettronica a livello mondiale.

Piccola curiosità è anche la copertina della prima versione di “Blue Monday”. Infatti il gruppo decise di farla progettare dai grafici Peter Saville e Brett Wickens: la copertina ricorda la forma di un floppy disk con dei veri e propri fori; inoltre a lato troviamo una banda verticale di quadratini colorati, che compongono un codice crittografato, contenente i nomi dei brani “Blue Monday” sul lato A e “The Beach” sul lato B, oltre ai nomi del gruppo e l’etichetta.

Oltre alla versione 12 pollici, ne viene realizzata una più breve, sempre nel 1983, con allegato videoclip musicale. Il video di Blue Monday è un mix di filmati militari, accompagnati da strane figure e animazioni, create al computer e da esecuzioni live della band.

Blue Monday scala le classifiche di mezzo mondo, impresa non facile per un brano di oltre 7 minuti. Gli oltre 3 milioni di copie vendute gli hanno permesso di diventare il 12 mix più venduto di tutti i tempi ma anche uno dei brani più importanti e influenti nella storia della musica elettronica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.