Home Italodisco CRUISIN’ RECORDS E ITALO DISCO TAKES OVER

CRUISIN’ RECORDS E ITALO DISCO TAKES OVER

110
CRUISIN' RECORDS
Siete Pronti per una bella crociera?

State tranquilli, non siamo diventati un agenzia di viaggi, ma oggi vi faremo fare un giro sulla nave più italo disco che ci sia.

Partiremo da Modena e navigheremo in mezzo ad un mare di musica, ci dedicheremo alla scoperta della Cruisin’ Records, etichetta modenese fondata da Ennio Tricomi, ripercorreremo attraverso brani celebri e a chicche nascoste la storia della Cruisin’ per arrivare al presente con l’evento Italo Disco Takes Over.

Quando si parla di Cruisin’ Records si parla ovviamente di Cruisin’Gang, progetto nato proprio dall’equipaggio Cruisin’.

Siamo nel 1983 e l’etichetta è stata appena creata. un gruppo di 3 ragazze Laura Fadinger, Ombretta Marsigli, Sabrina Morroya di lì a poco avrebbe spopolato in mezza europa.

Il singolo che tutti ricordiamo è “Affair A Gogo”, un medley di due grandi successi di quel periodo, ovvero “Giddyap A Gogo” di Advisser e “Foreign Affair” di Mike Oldfield.

Come spesso accadeva le 3 ragazze erano l’immagine del progetto, mentre per registrare il brano furono scelte Enza Kucic per la parte cantata da Oldfield e Ivana Spagna per la parte cantata da Advisser.

Il brano ebbe un successo clamoroso entrando nella Top 10 di quasi tutte le classifiche europee. L’anno seguente, nel 1984, con il brano “Chinatown”, cantato questa volta da Laura Fadinger, riuscirono ad entrare nelle charts degli Stati Uniti, impresa non facile per i brani di Italo-Disco.

Altro Artista di punta dell’etichetta emiliana è Max Him, brani come Japanese Girl, No Escape, hanno ottenuto buoni piazzamenti in classifica in varie zone dell’europa.

Ma voglio soprattutto ricordare che il progetto Max Him spopolò in Sud America, dove ancora oggi singoli come Lady Fantasy o Melanie sono tra i brani italo più amati in Messico, Venezuela, Argentina.

Max Him e Cruisin’ Gang sono i due progetti di punta della Label di Ennio Tricomi, ma per tutti gli anni 80 sono uscite numerose produzioni, molte davvero interessanti e quindi la nostra crociera prosegue e vi parlerò dei miei brani preferiti targati Cruisin’ Records.

Tornando a parlare di cover ricordiamo il brano del 1989 Twist In My Sobriety, nato dalla collaborazione con George Aaron. Giorgio è uno degli artisti italo disco tra i più British ed in questa sua versione del pezzo di Tanita Tikaram emerge tutta la sua bravura vocale, il tutto accompagnato da una melodia romantica e rilassante.

Heigh Ho di Fabian Nesti è uno dei primi brani Cruisin’ che ho scoperto, il pezzo del 1986, molto potente e romantico allo stesso tempo. All’interno non poteva mancare un bel ritornello in vero stile italo disco “Heigh Ho!!!”, Curiosità su questo brano è la copertina che non riporta il titolo corretto, infatti sia in Italia che in Portogallo il titolo sulla sleeve è Heigh OH.

Questo singolo mi aveva colpito così tanto che mi metto subito alla ricerca del MIX o di qualche compilation, ho trovato un bel picture disc lato A Heigh HO e lato B I Need Your Love dei Midnight Passion altra perla creata da Ennio e dalla sua Label, brano super energetico e tutto da ballare.

Altra chicca che non molti ricordano è Save the Fire di Giusy Ravizza.

Gli appassionati di Italo Disco collegano questo nome al brano Light del 1984 ma qualche anno più tardi esattamente nel 1987, grazie alla Cruisin’ Records viene pubblicato questo singolo che non ha nulla da invidiare al precedente, una vera bomba.

Il nostro viaggio sulla nave più italo che ci sia per oggi termina, ma attenzione che Cruisin’ sta per tornare!

Dopo il successo della prima edizione che si è tenuta lo scorso maggio, torna Italo Disco Takes Over.

Segnatevi già le date! 19-20-21 Maggio 2023 tra Rimini e Riccione, un grande evento organizzato da Ennio e dalla sua Cruisin’, tutto dedicato alla musica italo disco e non solo, dove potremmo assistere alle esibizioni dei nostri amati artisti della dance italiana.

Noi stiamo già preparando i bagagli, non vediamo l’ora!

https://www.takesover.it/

Articolo precedenteWeird: The Al Yankovic Story
Articolo successivo80 Podcast: Quando a Sanremo si cantava in playback
Matteo Redigolo, mi conoscono su Twitter come @80sLOV e sono un grande appassionato del decennio ottanta (ma anche di quello precedente). Fan di Sabrina Salerno, Duran Duran, Spandau Ballet, Samantha Fox....

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.