Home Artisti Vivien Vee

Vivien Vee

526
Vivien Vee

A fine anni 70, con l’avvento della disco music negli Stati Uniti, anche in Italia si cerca di imporre questo tipo di musica: tra i primissimi ricordiamo i Fratelli la Bionda e i Gepy e Gepy.
Ma l’altro grande tentativo fu quello della cantante Vivien Vee, una cantante originaria di Trieste che all’anagrafe faceva Viviana Andreattini.

Il progetto Vivien Vee funziona subito, e i primi album della cantante vengono pubblicati anche all’estero. I primi brani, come pure i successivi, saranno pubblicati dalla Banana Records con l’aiuto dei compositori Simonetti e Meo, che a fine anni 70 creano per la cantante i primi 45 giri.

Il successo internazionale arriva nel 1983 grazie ai brani Higher e Blue Disease, che vendono molto anche all’estero; ricordiamo poi anche nel 1984 Eve of Destruction, Americano del 1987 e Cross My Heart nel 1989.

Chicca che vi regalo: come già accaduto per Valerie Dore e Den Harrow, anche qui il progetto prevedeva che a cantare non fosse Viviana, ma Rossana Casale.
Vivien Vee era il volto del progetto almeno fino ai primi anni 80, visto che dopo il 1983 cambia genere e pubblica gli ultimi singoli, come il citato Cross My Heart.

Brano che mi piace ricordare della cantante è Higher, un brano che sembra farvi volare verso un mondo fantastico, un luogo dove ripararsi dai problemi, dalle paure:

Higher, higher
We’ll go higher, higher
Flying on the clouds of dreams
And sleeping on the dreams of you and I

Una carriera breve quella di Vivien, ma con brani che hanno contribuito al successo della musica disco italiana a livello europeo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.