Home Storie Musica anni 80 = lavoro da favola

Musica anni 80 = lavoro da favola

478
lavoro
“Ai miei tempi…” fermi tutti! Non è mio nonno che parla ma sono io. O meglio è la mia generazione, che sta iniziando a reclamare più spazio nei racconti familiari e a voler affermare il proprio punto di vista.
Infatti si dà il caso che noi ex-giovinastri avevamo tanti problemi e anche tanti difetti, ma per fortuna una cosa era impensabile annoverare tra i problemi: quella di avere un lavoro. Eh si perché se prima essere disoccupato era quasi inimmaginabile, oggi ci troviamo in un momento in cui ai primi posti tra i problemi quotidiani c’è quello di trovare un lavoro.
E pensare che “ai miei tempi” si potevano fare i lavori più disparati con la possibilità, anche abbastanza comune, di trovarsi fianco a fianco con delle leggende dello spettacolo.
In particolare c’era un settore su tutti che negli anni 80 andava a mille e che ha permesso a tanti ragazzi di poter mettere da parte qualcosina: sto parlando di quello della musica e, in particolare, delle discoteche.
Luca Zaia e Albertino
Luca Zaia e Albertino
ci trovavi di tutto: bigliettai, parcheggiatori, camerieri, Luca Zaia e Albertino, ballerine… eh… cosa?!? Luca Zaia e Albertino? Si sì è giusto che siano vicini i due nomi.
Perché? Beh semplice: il secondo neanche da dire, Albertino = musica da discoteca! E invece cari miei Luca Zaia è l’outsider, colui che non ti aspetti perché se il Dj Albertino suonava, chi portava i giovani da lui era l’attuale governatore della Regione Veneto, il quale, per arrotondare, faceva il PR.
Oggi una cosa così è insognabile (non credo che esista come parola, ma rende bene il concetto): il massimo a cui si può aspirare è fare il portantino del trono di Uomini e Donne di fianco alla Tina Cipollari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.