Home Sport Supercoppa della Germania Est, una competizione creata (nel 1989) e poi subito...

Supercoppa della Germania Est, una competizione creata (nel 1989) e poi subito abolita

74
Supercoppa

Tra le varie competizioni calcistiche “una tantum”, una è tale per fattori politici: la Supercoppa della Germania Est, andata in scena nel solo 1989 e poi abolita per via della scomparsa dello Stato di riferimento.

Il confronto, calendarizzato per il 5 agosto 1989, mette di fronte la Dynamo Dresda fresca campione della DDR alla Dynamo Berlino Est (a quel tempo la città è ancora divisa dal Muro) vincitrice della Coppa della Germania Est (ufficialmente denominata Freier Deutscher Gewerkschaftsbund Pokal, cioè Coppa della Federazione della Libera Unione Sindacale Tedesca): luogo della sfida è lo stadio der Freundschaft (“dell’Amicizia”) di Cottbus.

Le due compagini arrivano alla partita con opposti stati d’animo: i gialloneri di Dresda sulle ali dell’entusiasmo per essere riusciti a spezzare il dominio della stessa Dynamo Berlino Est (vincitrice del campionato per dieci volte di fila, dal 1978-’79 al 1987-’88), i capitolini consci del fatto che il loro predominio sia ormai giunto al tramonto, nonostante il successo in Coppa (il secondo consecutivo dopo quello del 1987-’88 -stagione della “doppietta” scudetto e Coppa- e il terzo in assoluto -l’altro risale al 1959-).

La partita vede i berlinesi imporsi per 4-1, grazie alle reti di Bernd Schulz al 29’, Thomas Doll al 60’, ancora Doll al 74’ e Rainer Ernst all’84’, con la Dynamo Dresda a segno solamente all’88’ grazie a un giovane destinato a un’eccellente carriera: Matthias Sammer.

In quella giornata di inizio agosto pochi possono immaginare che tale partita è destinata a restare l’unica della Supercoppa della Germania Est, in quanto quasi nessuno immagina che la stessa Germania Est sparirà a breve dalle carte geografiche, per via del crollo del Muro di Berlino (9 novembre 1989) e della successiva riunificazione tedesca, ufficialmente avvenuta il 3 ottobre 1990 con l’inglobamento dei territori della Germania Orientale (nota anche come DDR, acronimo di Deutsche Demokratische Republik, vale a dire Repubblica Democratica Tedesca) nella Germania Ovest (ufficialmente denominata Bundesrepublik Deutschland, significante Repubblica Federale di Germania).

La fine della Germania Est consente il passaggio a ovest dei migliori calciatori tedesco-orientali: Sammer giocherà con Stoccarda, Inter (1992-’93, senza entusiasmare) e Borussia Dortmund, conquistando il Pallone d’oro nel 1996; Thomas Doll vestirà le casacche di Amburgo, Lazio (dal 1991 al 1994), Eintracht Francoforte sul Meno e Bari (dal 1996 al 1998); Andreas Thom sarà un bomber con Bayer Leverkusen e Celtic Glasgow, prima di chiudere la carriera con l’Hertha Berlino (nel frattempo la città sarà stata riunificata); Ulf Kirsten diventerà cannoniere e “bandiera” del Bayer Leverkusen, militandoci dal 1990 a fine carriera (2003).

La scomparsa della DDR comporta la conseguente e ovvia fine della relativa Nazionale: Sammer, Doll, Thom e Kirsten faranno parte della Germania unita, con Sammer che conquisterà da protagonista il Campionato Europeo nel 1996.

Cottbus, Stadion der Freundschaft (Stadio dell’Amicizia), sabato 5 agosto 1989 DYNAMO BERLINO EST-DYNAMO DRESDA 4-1 (1-0)

RETI: Schulz (DB) al 29’, Doll (DB) al 60’, Doll (DB) al 74’, Ernst (DB) all’84’, Sammer (DD) all’88’.

DYNAMO BERLINO EST: Rudwaleit; Reich, Ksienzyk; Herzog, Schulz, Köller; Fügner (dal 77’ Lenz), Ernst, Bonan (dal 77’ Buder), Doll, Thom. Allenatore: Helmut Jäschke.

DYNAMO DRESDA: Teuber; Lieberam, Schößler; Trautmann (dal 46’ Hauptmann), Kirchner, Döschner; Stübner, Pilz, Sammer, Kirsten, Gütschow (dal 56’ Jähnig). Allenatore: Eduard Geyer.

ARBITRO: Klaus-Dieter Stenzel di Forst (Lausitz).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.